Respiriamo Arte
Respiriamo Arte

Associazione culturale interessata al recupero del patrimonio storico e artistico della città di Napoli attraverso la valorizzazione e la tutela di luoghi e monumenti.

Contattaci

Chiesa dell’Arte della Seta

Nel 1477, senza intenti competitivi, ma solo “per honore e stato di essa Maestà della Repubblica della città di Napoli”, venne ufficialmente istituita l’arte della seta, con la quale la svolta data alla manifattura serica napoletana, e meridionale, era radicale e a tratti rivoluzionaria. La lavorazione della seta venne incentrata a Napoli, “il solo centro del regno, oltre Catanzaro, presso il quale sarebbe stato possibile svolgere quest’attività”.

I ragazzi dell’Associazione Respiriamo Arte hanno riportato alla luce un volto di Napoli per troppo tempo dimenticato: quello d’importante centro di produzione e lavorazione della seta, settore trainante dell’economia del regno dalla seconda metà del XVI secolo fino al XVIII. L’importanza, il potere e la ricchezza che raggiunse la Corporazione dell’Arte della Seta fu espressa e resa tangibile nella realizzazione della Chiesa della Seta ovvero del Complesso dei SS. Filippo e Giacomo. Questa grandezza, così come l’atmosfera e gli intenti di quella produzione serica si possono ancora Respirare in questi luoghi grazie a un percorso di visita guidata esclusiva realizzato dall’Associazione che ripercorrendo la storia della Nobile Arte descrive al visitatore le opere d’arte che alcuni tra i più importanti marmorari, scultori, pittori e maestri intagliatori del settecento napoletano realizzarono per la chiesa. Agli affreschi, infatti, alle decorazioni marmoree, agli altari e agli arredi sacri lavorarono artisti del calibro di Alessio D’Elia, Jacopo Cestaro, Giacomo Massotti, i fratelli Massa, Giuseppe Sammartino. Costoro parteciparono al rifacimento della Chiesa compiuto nel 1758 con cui acquisì l’aspetto attuale tipico del barocco napoletano.

Il tour parte proprio dalla Chiesa, e permette di visitare aree normalmente inaccessibili al pubblico quali: la zona degli affreschi di fine ‘500 testimonianza della primissima cappella della seta dei SS. Filippo e Giacomo; la Sagrestia Settecentesca che custodisce le opere dei maestri intagliatori di legno del ‘700 napoletano ed esempi di arte serica seicentesca realizzati dalla corporazione. Si prosegue accedendo da una botola in bronzo finemente lavorata alla suggestiva cripta luogo di sepoltura dei corporati della seta; infine dal cortile interno si raggiungono i resti archeologici in cui è possibile osservare testimonianze della Napoli cinquecentesca e romana.
Una visita guidata esclusiva che celebra i luoghi della seta restituiti al pubblico dall’Associazione Respiriamo Arte per custodire quella Napoli descritta nelle fonti come: “ Brulicante di filatoi, botteghe di setaioli, tinte, tessitorie, fondaci di mercanti, di numerosissime presenze di stranieri, di attività finanziarie e commerciali collegate al commercio e alla lavorazione di stoffe e di altri prodotti in seta”.

Visite guidate

sabato dalle 11:00 alle 18:00
domenica dalle 12:00 alle 18:00

Informazioni

Iscriviti alla nostra newsletter per conoscere tutte le nostre prossime iniziative.

Foto

Mirko Silvestrini
esterno0
chiesa0
sete0
scavi0
cripta0
_DSC0328
fg 07
DSC_4506
Complesso SS. Filippo e Giacomo 11
Complesso SS. Filippo e Giacomo 02

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi